CENNI SUL COLORE - IL CERCHIO CROMATICO

Stampa

cerchio_cromaticoLa luce, composta dalla radiazione di tutti i colori, ha una velocità di quasi 300.000 km/sec nell'atmosfera terrestre e quando colpisce un oggetto ne possiamo vedere/percepire il colore perchè una parte viene riflessa e l'altra assorbita e riscaldata. Quindi vedremo una mela rossa quando saranno riflessi solo i raggi rossi e assorbiti gli altri,. un peperone giallo se riflette solo i raggi gialli, bianco se li riflette tutti e nero se li assorbe tutti. Ecco perchè una macchina nera sotto il sole è molto più calda di una bianca.

La luce viaggia sottoforma di onde elettromagnetiche oscillanti, ma mentre la velocità di trasmissione è la stessa per tutte, (grazie anche al fatto che la luce radiante non necessita di alcun mezzo per la propagazione), cambia la frequenza, ciò significa che quelle che oscillano più lentamente avranno poche ondulazioni rispetto a quelle con una frequenza maggiore. La distanza tra i punti massimi delle onde prende il nome di “lunghezza d'onda”. Per l'occhio umano sono visibili solo alcune lunghezze d'onda comprese tra i 400 ed i 700 nanometri (nm). Le frequenze al disotto dei 400 nm sono gli ultravioletti mentre al disopra dei 700nm sono gli infrarossi, entrambi per l'uomo non visibili. Il nostro sistema visivo percepisce le frequenza tra 400-450nm come violetto, tra 450-475nm come blu, tra 475-500nm come blu-verde, tra 500-570nm come verde, tra 570-590nm come giallo, tra 590-610nm come arancione e tra 610-700nm come rosso.

Scomponendo così la luce bianca solare attraverso un prisma, come fece il famoso scienziato Isaac Newton intorno al 1670, vedremmo come è composta e disponendo i 6 colori in un cerchio otterremmo il “cerchio cromatico”.

Il cerchio cromatico è composto da i colori primari giallo, blu, rosso che non possono essere generati da altri e i colori secondari verde, viola, arancio ottenuti mescolando due colori primari contigui. Perciò blu+giallo=verde, rosso+blu=viola e rosso+giallo=arancio. Mentre la mescolanza dei 3 colori primari dà il nero. Il nero si ottiene anche mescolando due colori opposti, cioè un primario ed il suo complementare.